9 Lives – Amiga

  • PRESENTAZIONE
  • GRAFICA
  • SONORO
  • GIOCABILITA'
  • LONGEVITA'

Le nove vite di un gatto pixelloso

9 Lives è un interessante titolo Amiga che vanta uno stile visivo estremamente accattivante, una grafica piacevole e una direzione artistica davvero eccellente.

Il gioco purtroppo vive quasi solo di estetica dal momento che presenta un sistema di gioco davvero troppo macchinoso per risultare godibile.

I comandi sono imprecisi e le sequenze si muovono con una strana lentezza che finisce per rovinare l’esperienza di gioco.

Ci troviamo alla guida di un simpatico gatto impegnato nel salvataggio di una gattina rapita per divenire vittima di una serie di esperimenti.

Alla guida del nostro protagonista dovremo avere la meglio su cani, pipistrelli, malvagi topi e tante altre creature realizzate con uno stile eccellente, degno di un cartone animato dell’epoca.

Il nostro gattaccio di strada potrà solo stordire gli avversari e non eliminarli del tutto, elemento che spinge il gameplay verso tattiche più ragionate.

9 Lives vanta sequenze platform e action che non riescono però a convincere proprio per la scarsa fattura del game design e per i movimenti molto dubbi del nostro prode gattone.

Gatti, ragni e pipistrelli

Trascinante è la colonna sonora che si sposa benissimo con le atmosfere cupe e affascinanti del gioco.

Siamo sicuri che 9 Lives con qualche sforzo in più sarebbe potuto diventare facilmente un classico.

La struttura confusionaria dei livelli, assieme a un sistema di controllo impreciso, azzoppano però una produzione alla quale avremmo voluto dare un voto ben maggiore.

Non lo sconsigliamo del tutto, soprattutto per chi fosse alla ricerca di titoli particolari e di esperienze diverse dal solito.

Peccato per un gameplay che non riesce mai a brillare del tutto e per la suddivisione ad aree della mappa che crea spesso molta confusione.

Un gioco del passato con i suoi pregi e i suoi vecchi difetti, da provare solo per gli appassionati, tutti gli altri possono accontentarsi di conoscerne l’esistenza!