Aaahh!!! Real Monsters – Sega Mega Drive

  • PRESENTAZIONE
  • GRAFICA
  • SONORO
  • GIOCABILITA'
  • LONGEVITA'

Mostri videoludici

Ahhh!!! Real Monsters è un gioco di piattaforme molto particolare che, sfruttando con un certo stile la licenza Nickelodeon ci regala un titolo interessante per l’epoca e ancora assolutamente godibile specialmente per i nostalgici della serie tv.

Lo scopo principale del gioco è quello di spaventare determinati obiettivi collezionando allo stesso tempo una serie di oggetti che, per il mondo dei mostri, sono estremamente importanti. Eccoci quindi impegnati a comandare tre mostriciattoli intercambiabili, ognuno con le sue capacità e con le sue abilità particolari che ci permetteranno di superare determinati enigmi o di spaventare bersagli più adatti a questo o all’altro mostro.

Dalle fogne al mondo umano

Il titolo parte dalle fogne e ci vede risalire man mano fino al regno degli umani, la nostra missione è diplomarci all’accademia mostruosa e per farlo dovremo paventare tutti i bersagli. Il gioco vanta una grafica di qualità tipica delle licenze da cartoni animati, l’atmosfera, il design e lo stile generale guadagnano moltissimo dalla serie animata e ci regalano un’esperienza piacevole, colorata e davvero mostruosa che non mancherà di strappare un sorriso anche a chi non avesse mai visto un solo episodio di Real Monsters.

Puzzle e spaventi

Tra Puzzle e sequenze platform il titolo si lascia giocare tranquillamente per la manciata di ore che servono a completarlo. Ci troviamo così di fronte a un gioco che riesce a svolgere bene il suo dovere, a intrattenere il videogiocatore, offrendo un tipo di gameplay diverso dal solito, sia per l’intelligente utilizzo dei tre personaggi che per la meccanica degli spaventi, elemento unico per questo strano esemplare di gioco mostruoso.

Un prodotto che si può quindi tranquillamente consigliare a qualsiasi appassionato del retrogaming in cerca di qualcosa di particolare, magari meno noto e ricordato di altri giochi, ma comunque un titolo divertente e sopra le righe.