Blast Wind – Sega Saturn

  • PRESENTAZIONE
  • GRAFICA
  • SONORO
  • GIOCABILITA'
  • LONGEVITA'

Blast Wind – Sega Saturn

Uscito nel 1997, Blast Wind è uno dei tanti shoot ’em up che hanno caratterizzato Sega Saturn.

Il titolo, uno shooter in piena regola, parte da una premessa interessante.

L’umanità è stata decimata da una terribile onda nucleare che ha spazzato via ogni cosa.

I pochi umani sopravvissuti all’interno di gigantesche navicelle chiamate Ark, hanno dato vita  a una nuova società.

Ecco però che la commistione tra macchine e uomini esposta alle radiazioni ha dato a sua volta vita a una nuova specie che attaccherà gli umani.

Compito nostro è guidare una navicella, scegliendo tra due piloti e veicoli e disintegrare qualsiasi cosa ci si ponga di fronte.

Blast Wind offre un gameplay frenetico e piuttosto classico, tra powe us e giganteschi boss di fine livello.

Sotto il punto di vista tecnico il titolo può vantare una pixel art di livello, con elementi 3d che arricchiscono l’esperienza visiva.

 

Blast Wind – Sega Saturn | Uno shoot ’em up da tenere d’occhio

Il titolo vanta una lore interessante ed è introdotto da una serie di sequenze semi-animate interessanti,

Proprio questo aspetto riesce a convincere i giocatori, creando un mondo e una storia di sottofondo alle sparatorie che potrebbe conquistare moltissimi utenti.

La colonna sonora è notevole ma è alla direzione artistica che va il merito di aver reso questo titolo un prodotto, minore, ma memorabile.

Sarebbe stato bello sapere di più di questo particolare mondo che risulta, alla fine dei conti, un semplice pretesto per dare fuoco alle polveri.

Blast wind è un titolo molto breve, brevissimo per i giocatori con grandi capacità, un elemento da non trascurare se non siete interessanti alla caccia al punteggio e alla rigiocabilità.

In conclusione ci troviamo di fronte a un prodotto d’altri tempi, un buon titolo per il genere forte di un mondo interessante, ma davvero niente di innovativo per quanto riguarda il gameplay che sembra appartenere a un’epoca ancora precedente.