Castlevania Rondo of Blood – PC

  • PRESENTAZIONE
  • GRAFICA
  • SONORO
  • GIOCABILITA'
  • LONGEVITA'

Vampiri su PC

Castlevania Rondo of blood è un titolo che per molto tempo è rimasto solo in giappone, sbarcando qua da noi attraverso varie riproposizioni. Uscito originariamente nel 1993, Rondo of Blood è il titolo che precede il leggendario e indimenticabile Symphony of The Night, le cui basi vengono gettate dall’ancora lineare ma estremamente esplorativo titolo in questione.

Ci troviamo alle prese con un eccezionale capitolo, il decimo della grande saga che narra l’eterna guerra tra Dracula e il clan di cacciatori di vampiri Belmont. Il gioco è caratterizzato da una pixel art sopraffina, che si fonde a atipici colori acidi e accessi capaci di dar vita a un impatto visivo di altissimo livello che lo rende ben riconoscibile e sorprendente anche a distanza di tutti questi anni.

A caccia di succhia sangue

Rondo of Blood sfrutta il sistema classico di Castlevania, proponendo però ambienti enormi liberamente esplorabili. Non mancano le straordinarie boss fights caratterizzate da esseri giganteschi e trovate di design davvero creative. L’horror va per la maggiore nel mondo cadaverico di Castlevania, e ancora una volta ci troviamo a vivere colpo dopo colpo la lenta scalata del terribile castello fino a fronteggiare il temibile Dracula.

Altro elemento interessante è la possibilità di liberare varie fanciulle durante la nostra avventura, una delle quali diventerà un personaggio utilizzabile. Un titolo inferiore al capolavoro che è Symphony of the Night, ma comunque un’opera di grande impatto che non può mancare nella collezione di chiunque ami questo genere e questa lunghissima saga.

Rondo of Blood è una tassello nella storia di Castlevania che gratifica il giocatore con una esplorazione appagante, accompagnata dal solito gameplay solidissimo e divertente. Il gioco, ricco di oggetti da raccogliere e segreti, risulta ancora oggi estremamente moderno, e diventa uno di quei prodotti dalla trasposizione travagliata da riscoprire assolutamente proprio adesso, in occasione di Castlevania Requiem, collection che contiene le due pietre miliari Konami.