Chrono Cross – Playstation

  • PRESENTAZIONE
  • GRAFICA
  • SONORO
  • GIOCABILITA'
  • LONGEVITA'

Dimensioni parallele

Uscito nel 1999, Chrono Cross è un titolo a dir poco incredibile, un seguito spirituale di Chrono Trigger che riuscì ai tempi a ottener il perfect score su riviste come Gamespot.

Che dire, ci troviamo davanti a un jrpg come quelli di una volta, pompato però alla massima potenza, sia per quanto riguardo il comparto tecnico che per le sue meccaniche. La grafica lascia a bocca aperta ancora oggi, con un uso dei colori impressionante, la caratterizzazione di personaggi e scenari e una bellezza scenica generale che possiamo trovare raramente all’interno di un videogioco. Il titolo poi vanta una trama di livello che, superato il concetto di tempo del predecessore, affronta questa volta le dimensioni parallele. Chrono Cross è una grande avventura, uno dei migliori titoli Playstation e uno di quei giochi del passato che, una volta caricato sulla vostra consolle, vi farà dimenticare lo spazio e il tempo e vi risucchierà all’interno di un’avventura stupenda, di gran lunga superiore a buona parte dei titoli moderni, e non stiamo parlando con la nostalgia nel cuore, ma con la logica.

 

Addio incontri casuali

Chrono Cross, per quanto piuttosto classico, vanta un sistema di combattimento complesso che ci permette di decidere vari elementi e combo da effettuare a ogni attacco, questa rinnovata complessità viene alleggerita grazie all’abbandono del tanto odiato sistema di incontri casuali che ha fatto dannare i videogiocatori di tutto il mondo. Gli avversari infatti saranno ben visibili sulla mappa i gioco, affrontabili a nostro piacimento (in certi casi obbligatoriamente per fini di trama). Ci inseguiranno quando ci vedono e spesso sarà impossibile sfuggire, almeno però non ci troveremo di fronte a attacchi continui, magari durante sessioni di bactracking o mentre cerchiamo di capire cosa dobbiamo fare.

Chrono Cross è in conclusione un capolavoro, e poco altro c’è da dire su questa perla del passato che continuerà a brillare per tutta l’eternità del mondo dei videogiochi.