Crazy Taxi – Dreamcast

  • PRESENTAZIONE
  • GRAFICA
  • SONORO
  • GIOCABILITA'
  • LONGEVITA'

Corse foll

i su Sega Dreamcast

Vero e proprio cult della sala giochi, Crazy Taxi ottiene la sua incarnazione su consolle nel 2000, diventando rapidamente uno dei titoli d’eccellenza di Sega Dreamcast, ma troppo amato, e assolutamente indimenticabile.

Il gioco ci vede impegnati in folli corse dove dovremo trasportare i nostri passeggeri in una corsa contro il tempo adrenalinica e scatenata.

Il titolo vanta una grafica accattivante, fuori di testa e ben dettagliata.  Ci troviamo di fronte a un universo colorato e realizzato con colo

ri forti e accesi che ben incarnano il gameplay scatenato nel quale ci ritroveremo a premere l’acceleratore come dei forsennati.

Nota di merito va alla colonna sonora, caratterizzata da tracce punk che ci daranno la carica durante le varie missioni di gioco costellate da urla e suoni di carrozzeria e motori.

Un vero cult

Crazy Taxi è un gioco folle e scatenato, un titolo adatto a chi sta cercando adrenalina pura, divertimento scanzonato e un driving game competente, assolutamente non realistico che lo lascerà sfrecciare tra i pedoni, prendere scorciatoie e caricare strani passeggeri che passeranno dall’esaltazione al puro terrore durante questa folle corsa.

Il gioco è disponibile sulle più svariate piattaforme, ci piace però ricordarlo nella sua incarnazione Dreamcast che ancora una volta mostrava la potenza di una macchina che rimpiangiamo tantissimo. Se possedete o avete intenzione di acquistare un Dreamcast, Crazy Taxi è un titolo che non può mancare alla vostra collezione, un no brainer in grado di regalare emozioni e divertimento mentre cerchiamo di raggiungere i punteggi più eclatanti e di caricare il maggior numero di passeggeri nel minor tempo possibile.

Adatto sia ai retrogamer nostalgici dell’edizione da sala giochi, che ai giocatori novelli, che cercano magari di riscoprire le glorie del passato e le meraviglie di un’era del videogioco che forse si prendeva meno sul serio ma era in grado di regalare esperienze ancora vivide e pure nei nostri ricordi.