D-Force – Super Nintendo

  • PRESENTAZIONE
  • GRAFICA
  • SONORO
  • GIOCABILITA'
  • LONGEVITA'

Terroristi e… dinosauri

Uscito nel 1991, D-Force è un titolo interessante, il gioco è un classico shooter in stile bullet hell forte di un paio di meccaniche lo rendono diverso da tutto ciò che abbiamo visto, così come di una difficoltà davvero elevata.

Particolarità del titolo che sfrutta la potenzialità della consolle è proprio quella di simulare il 3d dandoci la possibilità di combattere su più livelli verticali. Questo elemento dona letteralmente profondità al gameplay e presenta qualcosa che non avevamo visto nei titoli dell’epoca.

Il gioco è piuttosto solido e valido nelle sue meccaniche così come nel sonoro che ci accompagna con musiche che entrano rapidamente in testa e diventano dei veri e propri tormentoni.

Nota di demerito va assolutamente alla grafica, D-Force infatti sembra più un titolo del Nes che uno del Super Nintendo, il design di aerei e avversari è poi abbastanza blando, elemento che fa perdere parecchi punti al gioco, la grafica non è tutto ma almeno un’atmosfera degna e un po’ di particolarità non sarebbero guastate.

Sparare e esplorare

Il titolo offre due modalità, una di puro shooting con ambientazione realistica, la seconda, forse la parte meglio riuscita del gioco, è la modalità esplorazione che ci vede viaggiare per strani paesaggi e combattere contro creature fantastiche, tra cui dinosauri giganti.

Nel complesso ci troviamo di fronte a un gioco interessante, che pecca in grafica e che potrebbe allontanare molti giocatori per l’elevata difficoltà che rasenta in alcuni frangenti l’impossibile. D-Force è comunque un gioco che merita specialmente per gli amanti del genere che vogliono un prodotto classico, forte di alcune meccaniche uniche e capace di divertire e appassionare in una eterna caccia al punteggio e al tanto agognato ultimo boss.

Un titolo che invecchia un po’ male, sicuramente però non da buttare, consigliato solo agli amanti del bullet hell con una vena masochistica.