Daze Before Christmas – Super Nintendo

  • PRESENTAZIONE
  • GRAFICA
  • SONORO
  • GIOCABILITA'
  • LONGEVITA'

Babbo Natale horror

Daze Before Christmas è uno strano gioco del 1994 che torna alla mente ogni volta che si parla di natale e retrogaming.

Il titolo, comunque adatto ai bambini e piuttosto leggero come tematiche (il protagonista è babbo natale…) si lascia andare però in una serie di elementi grotteschi e inquietanti come alcuni livelli spaventosi e grotteschi e la possibilità per Santa Claus di trasformarsi in alcuni momenti nel diavolo.

Avete capito bene, ottenendo un particolare power up, il babbo più buono e amato del mondo si trasformerà nel terribile Saint Niclas delle leggende con tanto di coda e corna, pronto a prendere a colpi di sacco chiunque gli passi vicino.

Il titolo è afflitto da problemi di design, manca solidità e si ha sempre l’impressione che il nostro protagonista voli per i livelli.

Non male invece il level design, molto vario sia nelle situazioni che per quanto riguarda la struttura della mappe.

 

Natale retrò

Daze Before Christmas non è un cattivo gioco, ma nemmeno un titolo da recuperare. Può essere considerato un gioco da tirare fuori in caso di Streaming e strani Walkthrough natalizi ma niente di più.

In verità però il gioco si difende bene nel suo campo, e nonostante alcune dinamiche blande, e una direzione artistica non eccezionale, riesce a distinguersi con il suo tono dark e alcune meccaniche davvero interessanti.

Uno di quei videogiochi di serie B, in grado comunque di destare l’attenzione, e di sorprendere in alcuni frangenti con le trovate di gameplay che vedono protagonista l’essere magico che porta i doni a Natale.

Consigliato ai curiosi e a chi è alla ricerca di giochi bizzarri e per certi versi grotteschi (nonostante il registro sia molto soft tralasciando il diavolo).

Uno di quei giochi così particolari che presto o tardi ritornano fuori, salvandosi dal dimenticatoio proprio per alcune caratteristiche uniche e anacronistiche.