Desert Falcon – Atari

  • PRESENTAZIONE
  • GRAFICA
  • SONORO
  • GIOCABILITA'
  • LONGEVITA'

Il falco del deserto

Uscito nel 1987, Desert Falcon è uno shoot ’em up molto particolare.

Ci troviamo infatti alla guida di un falco impegnato nel saccheggio dei tesori del deserto.

A ostacolare i suoi scintillanti piani ci si metteranno le più svariate avversità. Eccoci quindi a combattere, sfingi, uccelli di vario genere, creature del deserto a non meglio identificati sprite che comunque ci spareranno addosso.

Il gioco vanta una grafica notevole soprattutto per la sua epoca. Si nota la capacità di caratterizzare al massimo i pochi pixel a disposizione e un senso di profondità che difficilmente possiamo trovare in altri titoli contemporanei.

La grafica è piacevole e la direzione artistica intelligente. Begli gli scenari e alcuni elementi, come le sfingi che incontreremo nel corso dell’avventura sono davvero curate e restano impresse all’utente.

Il gameplay, difficilissimo e nel pieno canone dell’epoca, è piacevole e offre una boccata d’aria fresca sul panorama del genere troppo improntato sui combattimenti spaziali.

Originale anche la telecamera che fonde volo d’aquila (in questo caso di falco) con uno sguardo isometrico.

 

Azione e gusto estetico

Desert Falcon è un eccellente titolo Atari, un prodotto che riesce a fondere azione e qualità estetica alla perfezione.

Interessante la colonna sonora, poco elaborata ma ossessiva al punto giusto dal restare ben impressa nella mente.

Giocare a Desert Falcon, significa affrontare un classico, uno shoot ’em up difficile e appagante dove la corsa al punteggio e la scoperta delle fasi più avanzate del gioco saranno lo stimolo ad andare avanti.

Un prodotto arcade che risulta godibile ancora oggi, nonostante i più di trent’anni passati.

Splendida la pixel art, che dimostra come la fantasia e l’inventiva potessero colmare la mancanza di potenza delle macchine del lontano passato.

Da non perdere per tutti gli amanti dei classici Atari e del retrogaming più datato.