Dr Mario – Nintendo Nes

  • PRESENTAZIONE
  • GRAFICA
  • SONORO
  • GIOCABILITA'
  • LONGEVITA'

Mario si improvvisa medico

Nella carriera di Super Mario, oltre al mestiere di idraulico troviamo anche il suo periodo da medico, ed ecco il buon Mario inizia nel 1990 a dare pillole a destra e a manca per sconfiggere dei temibili batteri. Il risultato è un incrocio tra Tetris e Puzzle Fighter, oltre che una delle meno celebri iterazioni che vedono protagonista il personaggio iconico della Nintendo.

Dr. Mario è un titolo un po’ sotto tono rispetto alla media dei prodotti della grande N. Il gioco prevede il completamento di una serie di livelli sempre più difficili, all’interno dei quali ci ritroveremo non solo a evitare di far traboccare la nostra provetta, gestendo quindi le pastiglie colorate in modo che non si accumulino, ma anche, e principalmente a creare serie di un solo colore che comprendano anche uno dei batteri presenti su schermo, che ne verrano di conseguenza distrutti.

Un puzzle divertente che manca della magia Nintendo

Dr Mario è un divertente puzzle, piacevole e in grado di dare vita a una sfida notevole che metterà in difficoltà anche i più grandi appassionati di rompicapo. Un titolo per rilassarci, o innervosirci a seconda del caso, ma che non riesce però a offrire qualcosa di davvero sostanzioso, tanto da essere rapidamente caduto nel dimenticatoio del mondo Nintendo.

Dr Mario è in conclusione un prodotto interessante se vogliamo utilizzare la nostra console retrò come passatempo, sicuramente non un prodotto profondo o capace di regalare grosse emozioni, più un titolo retrò che possiamo mettere, nonostante la cura dei particolari e la rifinitura Nintendo, alla stregua di un gioco mobile da Candy Crush ai vari emuli dell’immortale Tetris.

Carini gli sprite e la realizzazione dei modelli dei batteri, un prodotto che però non riesce a segnare la storia e a convincerci dopo tutti questi anni dove sembra più una stranezza di un passato sperimentale che una grande perla dell’era retrò.