Flimbo’s Quest – Amiga

  • PRESENTAZIONE
  • GRAFICA
  • SONORO
  • GIOCABILITA'
  • LONGEVITA'

L’avventura di Flimbo

Uscito nel 1990, Flimbo’s Quest è un titolo platform con alcune componenti adventure davvero interessante. Il gioco, al momento della sua uscita riuscì a convincere notevolmente la critica, tanto da venire poi incluso in varie raccolte. Il titolo ci vede alla guida di Flimbo, innamorato di una ragazzina che viene rapita dal malvagio dottor Forfora, con l’obiettivo di compiere degli esperimenti sull’immortalità.

Eccoci quindi alleati di un mago buono (ma avaro, dato che ci aiuterà vendendoci equipaggiamenti carissimi), alla ricerca della nostra amata.

Il gioco consiste in una serie di livelli dove dovremo aggirarci per eliminare un particolare avversario che porta con sé una pergamena magica, da consegnare al mago per superare il livello. Oltre alla pergamena però avremo la possibilità di andare in giro in cerca di sacchi di denaro da spendere dall’avido stregone.

Un titolo old school a dir poco adorabile

Flimbo’s Quest è un titolo solido, ben strutturato, forte di una grafica accattivante e molto curata, oltre che di un design assolutamente unico e ben distinguibile, che lo allontana anni luci dai titoli blandi che affollavano gli scaffali con personaggi generici.

Eccoci quindi alle prese con un prodotto squisitamente retrò che farà la gioia degli sfegatati amanti di Amiga, Commodore 64 e compagnia.

L’avventura di Flimbo è appagante, semplice e divertente, basata su poche azioni che riescono a divertirci e appassionarci anche grazie al numero elevato di avversari e alle loro tecniche sempre più complesse e imprevedibili.

Anche la musica fa il suo lavoro, regalandoci un prodotto rilassante e piacevole che non può mancare nella collezione di un retrogamer purista del genere.

Un gioco che non tocca il capolavoro ma che riesce a farsi giocare anche oggi e a divertire moltissimo, anche in modo inaspettato, data anche la struttura in fondo molto essenziale del gameplay.

Una bella sorpresa o un gran tuffo nella nostalgia.