Gynoug – Mega Drive

  • Presentazione
  • Grafica
  • Sonoro
  • Giocabilità
  • Longevità

Gynoug era uno dei titoli più strani per Mega Drive, nel senso migliore del termine. In un’epoca in cui gli shoot’em up stavano per andare in pensione, arrivò sulle scene questo sparatutto a scorrimento ultra hardcore nella difficoltà e nelle tematiche. E non poteva che arrivare dal Giappone grazie alla semisconosciuta Masaya, che nel realizzarlo non si era posta alcun limite.

GynougSi partiva da una grafica di tipo fantasy/horror che andava spesso sopra le righe nel caso dei boss, alcuni con evidenti richiami erotici e splatter nella loro fisionomia (vedere per credere). Se i livelli iniziali risultavano piuttosto spogli e spartani nel loro svolgimento, bastava poco per notare parecchi tocchi di classe ed effetti speciali insospettabili. Ma soprattutto, Gynoug era più difficile rispetto alla media del genere e quindi dedicato solo ai giocatori esperti.

Le meccaniche erano quelle tipiche della categoria “spara e fuggi” datata 1991: attraversare scenari inquadrati lateralmente ripieni di nemici e bonus cercando di restare vivi. Il momento chiave restava, come sempre, lo scontro con i boss solo che stavolta c’erano pure quelli di metà livello a complicare le cose. Dato che un colpo subito bastava a perdere una vita, nel caos sempre presente su schermo, si capisce perché in pochi abbiano finito Gynoug.

GynougNonostante fosse molto tradizionale nel gameplay e privo di veri elementi originali, il titolo firmato Masaya ottenne subito un’accoglienza molto positiva dalla critica grazie alla sua atmosfera. Mentre gran parte dei concorrenti puntava sul solito scenario spaziale/futuristico, il team di sviluppo aveva scelto una strada diversa centrando l’obiettivo (distinguersi dalla massa).

Proprio per questo era uno dei simboli della console su cui uscì. Il Mega Drive, nel perenne duello con il Super Nintendo, cercava sempre di emergere anche in modo provocatorio. Gynoug era un titolo diverso dal solito che aveva parecchio da dire ma che richiedeva molta dedizione per essere apprezzato a fondo. E servivano dei controller di riserva, perché era difficile non tirare il joypad contro il muro dopo l’ennesimo Game Over.

Acquista su Ebay

Basandosi su questo articolo, i giocatori di InsertCoin si sono interessati ai seguenti prodotti: