Halloween – Atari

  • PRESENTAZIONE
  • GRAFICA
  • SONORO
  • GIOCABILITA'
  • LONGEVITA'

Survival Horror arcaici

Uscito nel 1983, Halloween è un tie in legato alla pellicola horror dell’epoca.

Il gioco ci vede vestire i panni di una baby sitter, impegnata a salvare bambini dalla furia di Michael Majers.

Naturalmente dato il periodo e la macchina su cui il gioco gira, parliamo di quadrettoni che prendono sembianze umanoidi e di un sistema di gioco complesso, ma comunque legato alla sua epoca storica.

Halloween è un titolo andato molto male, tanto da far fallire la stessa Wizard che lo produsse, dopo l’ennesimo insuccesso.

E’ così però che il gioco è diventato un titolo cult, un prodotto inoltre che ha avuto grossi problemi legali proprio per la violenza che lo caratterizzava e che lo vide vendere senza essere esposto, o addirittura rifiutato da alcuni rivenditori USA.

Certo vederlo oggi fa sorridere, ed è difficile definire violenza quella che appare su schermo, ci troviamo però di fronte a una delle prime polemica su violenza e videogiochi.

 

Halloween oggi

Descrivere il titolo e dare una recensione obiettiva non è facile per un gioco del 1983.

Di sicuro non ci troviamo di fronte a qualcosa di memorabile, allo stesso tempo però il gioco può vantare le sue particolarità, la colonna sonora ossessiva, alcune scene geniali dove la luce va a viene creando uno stato di tensione all’epoca straordinario, oltre al farci rivivere, alla maniere dell’83, i momenti di orrore della celebre pellicola.

Halloween si annovera così tra i prodotti per curiosi e per collezionisti.

Un gioco trascurabile, ma non per questo di cattiva fattura.

Da elogiare alcune trovate e scelte stilistiche che, sfruttando un hardware primitivo come quello di Atari, riuscirono comunque a trasmettere sensazioni e emozioni al giocatore.

Al giorno d’oggi risulta comunque come una stranezza, un titolo frustrante di un’epoca ormai troppo lontana per farcelo apprezzare davvero.

Molto più interessante è la storia del titolo e della sua censura.