Rodland – Amiga

  • PRESENTAZIONE
  • GRAFICA
  • SONORO
  • GIOCABILITA'
  • LONGEVITA'

Tradimenti e fatine

Coloratissimo e intuitivo, Rodland è un puzzle platform Amiga incredibilmente fresco e ancora oggi divertentissimo.

Ci troviamo alle prese con due fatine che vedono gli abitanti del loro villaggio diventare cattivi e rapire la loro mamma.

Grazie alle scarpe magiche, capaci di generare delle scale e a un bastone che abbattere gli avversari ci troveremo così ad affrontare una serie di livelli tra puzzle a platform dove collezionale una serie di oggetti per accedere al successivo.

Rodland nasce come arcade e incarna al massimo le caratteristiche dei titoli da sala.

Ci troviamo di fronte a un gameplay rapido e intuitivo, a una grafica di altissima qualità, coloratissima e piacevole.

Il design di personaggi e nemici è originale e rende Rodland ben riconoscibile.

Anche il sonoro non è affatto male, sempre che amiate melodie molto positive e sonorità magiche.

Alla fine dei conti si parla di fatine…

 

Divertimento Arcade

Rodland si rivela un titolo molto godibile anche oggi.

Il gameplay è semplicissimo e intuitivo e si sposa alla perfezione con la struttura a schermata.

Gli avversari sono tantissimi e offrono una buona varietà.

Un po’ di noia può insorgere a lungo andare, dato che le meccaniche non si modificano drasticamente e, nonostante funzioni, il gameplay rimane quello che sperimentiamo nelle prime fasi.

Rodland però non ha ambizione di tenerci incollati allo schermo per decine di ore, solo quella di farci divertire con i suoi livelli e i suoi colori che, grazie anche a una bellissima pixel art, sembrano non invecchiare nonostante il passare degli anni.

Un titolo che ci ha convinti e che, nonostante tutte le sue limitazioni, riesce a donare quella rara esperienza arcade ormai sconosciuta nel gaming moderno.

Rodland non vi sorprenderà per la sua trama e nemmeno per trovate particolarmente geniali.

Un bastone e una manciata di scale possono però rivelarsi molto più divertenti di quello che immaginate.