Skweek – Amiga

Screenshot 2017-01-12 15.57.41Non sempre per avere una buona idea bisogna per forza essere originali. Spesso basta prendere un’idea già sperimentata, ammodernarla, rimescolarla, aggiungere un pizzico di “locura” e si hanno risultati ben più che soddisfacenti, soprattutto a livello di gradimento del pubblico.

Skweek segue questa teoria: riprende e rielabora un insieme di concetti già ampiamente sperimentati da videogiochi precedenti per proporre una formula di gioco propria.

screenshot-2016-12-28-15-37-59

Skweek, sviluppato nel 1991 dalla casa di produzione francese Loriciel (per questo si trovano principalmente versioni in francese, portate pazienza ed armatevi di dizionario), ci porta infatti in un mondo colorato e pittoresco dove vive il mostricciattolo peloso che dà nome al gioco: obiettivo del giocatore sarà muoverlo attraverso vari livelli e superarli senza esaurire le vite a disposizione.

screenshot-2016-12-28-15-39-10

Per completare il livello esistono sostanzialmente due modalità: il “metodo base” prevede di camminare con la nostra palla di pelo su tutte le caselle del livello facendole cambiare di colore da blu a rosa; alternativamente, in molti livelli sarà possibile collezionare 4 orsacchiotti che spunteranno all’interno del terreno di gioco (ma attenzione: ogni orsacchiotto sarà contrassegnato da un determinato colore e potrà comprarire più di una volta. Qualora venisse collezionato due volte un orsacchiotto dello stesso colore, esso andrà perso!)

A complicare le cose intervengono diversi fattori: dei mostri rivali che non vedranno l’ora di catturarci; delle caselle di vuoto interne al livello che causeranno la morte di Skweek qualora esso ci finisse dentro; non ultimi i power-up che compariranno casualmente nel livello, i quali possono essere sia positivi che negativi e a cui bisognerà prestare grande attenzione.

screenshot-2016-12-28-15-45-05

Graficamente è sufficiente, non sempre sono chiarissime le caselle su cui si passa o i power-up che si attivano – tuttavia dopo poco tempo ci si abitua. Peccato per alcuni rallentamenti che ho avuto durante lo svolgimento del livello e che – pur non costituendo una giustificazione per la mia scarsissima manche presentata qui sotto – hanno contribuito a renderla particolarmente scadente.

A livello di giocabilità quindi non risulta un gioco semplicissimo, ma potrà sicuramente portare svago ad un pubblico che voglia provare ad unire i principi del puzzle game ad una modalità di gioco che ricorda grandi classici (memento Pacman semper).

Acquista su Amazon

Basandosi su questo articolo, i giocatori di InsertCoin si sono interessati ai seguenti prodotti: