The legend of Oasis – Sega Saturn

  • PRESENTAZIONE
  • GRAFICA
  • SONORO
  • GIOCABILITA'
  • LONGEVITA'

La leggenda dell’oasi

Conosciuto anche come The Story of Thor 2, The Legend of Oasis è il prequel dell’interessante Beyond Oasis.

Il gioco vanta una direzione artistica di livello che non si sposa purtroppo con un gameplay in grado di supportare le interessanti trovate, oltre alla grafica davvero impressionante.

Ci troviamo di fronte a un titolo che vanta ambientazioni arabeggianti, uno stile visivo colorato e molto dettagliato che regala alcuni degli scorci più interessanti dell’intera epoca Saturn.

La cura alla grafica e alla direzione artistica è infatti elevata e supera addirittura i buonissimi livelli raggiunti dal predecessore.

Nella pratica purtroppo il titolo si limita ad offrire un gameplay che lo avvicina spesso a un beat ’em up, non particolarmente entusiasmante, nonostante non manchino epici boss e momenti di qualità.

Il gioco soffre un po’ di un dislivello tra impatto visivo e possibilità di gioco, dove avrebbe giovato davvero un approccio ancora più puzzle e zeldesco, anziché una serie di battaglie e di button mashing.

Certo ci troviamo di fronte a un action rpg con tante idee, ma la realizzazione finale troppo spesso lascia le cose campate in aria e finisce per creare più caos che divertimento.

Elementi ruolistici

Certo, The Legend of Oasis ci prova a offrire i suoi elementi ruolistici e le sue meccaniche alla Zelda.

I problema è che fallisce sia nella realizzazione delle città e delle aree dove non dobbiamo combattere, che nelle meccaniche vere e proprie, caratterizzate da movimenti approssimativi e problemi nel combat system.

Nel complesso The Story of Oasis è comunque un buon gioco, un titolo però incapace di sopravvivere all’aspettativa e che ci è sembrato un polpettone di vari altri giochi, riproposti con una particolare direzione artistica.

Un peccato, in particolare perché una maggiore cura delle fasi action avrebbe permesso di regalare una grande esperienza e un vero rivale agli Zelda di Nintendo che nelle loro edizioni 2d non sono mai riusciti a raggiungere un simile dettaglio grafico.