Time Trax – Super Nintendo

  • PRESENTAZIONE
  • GRAFICA
  • SONORO
  • GIOCABILITA'
  • LONGEVITA'

Criminali nel tempo

Time Trax, da non confondere con l’altro Time Trax, titolo per Commodore 64 del lontano 1989, è invece un prodotto ispirato a una serie australiana che ci vede alla guida di un agente speciale impegnato nel recupero di un gruppo di criminali, sfuggiti nel tempo attraverso una speciale macchina ideata da uno scienziato malvagio.

Il gioco si presenta in modo piuttosto interessante, senza nascondere la sua ispirazione televisiva e facendosi forte di dialoghi e scene animate. Una volta nel vivo dell’azione ci troveremo invece alle prese con un interessante action adventure che ci vede impegnati nell’esplorazione di varie aree, nel recupero di monetine e in combattimenti molto semplici attraverso l’utilizzo della nostra pistola laser e, in caso ci avviciniamo al nemico, di colpi di arti marziali automatici che si attiveranno con il solito tasto di attacco.

Una cura certosina

Oltre all’atmosfera da B movie anni 80 che non guasta mai, Time Trax si fa notare per la cura del dettaglio sotto il punto di vista estetico. C’è infatti un incredibile, a volte anche eccessivo utilizzo dei layer, primo tra tutti quello della ragnatele che ci daranno l’impressione nelle prime fasi di gioco di osservare l’azione da lontano, con tanto di ragni in primo piano.

Il titolo è piuttosto ambizioso e riesce a liberarsi dalla maledizione dei tie in offrendo di fatto qualcosa di davvero interessante. Piacevole ance il character design e la storia, abbastanza banale ma comunque presente e capace di gestire la regia di gioco in modo egregio.

Time Trax è un prodotto intermedio che manca forse di una maggiore cura nelle meccaniche di gioco, soprattutto sotto il punto di vista esplorativo.

Ci troviamo comunque per le mani un titolo valido che potrebbe divertirvi più del previsto, senza per forza giocare a un caposaldo del genere. Una sorta di B Game, che vale però la pena della vostra attenzione.