True Lies – Super Nintendo

  • PRESENTAZIONE
  • GRAFICA
  • SONORO
  • GIOCABILITA'
  • LONGEVITA'

Snake? No Schwartz!

True Lies, uscito per Super Nintendo nel 1994 è un titolo molto particolare che fa da tie in al film d’azione degli anni 90. Sulla carta ci saremmo aspettati un prodotto orribile come buona parte dei terribili tie in di ogni epoca, True Lies, però ha quel la sua peculiarità che gli permette invece di brillare, specialmente al giorno d’oggi.

Ci troviamo infatti di fronte a un gameplay particolare, la gestione delle sparatorie con visuale dall’alto è molto appagante, esiste poi un vero e proprio mondo di gioco nei vari livelli, quasi ci trovassimo di fronte a un precursore della serie Hitman. Eccoci quindi infiltrati in mezzo a npc inoffensivi, oppure a gestire sparatorie cercando di non fare vittime tra i civili. True Lies è un titolo estremamente pionieristico che cerca di riprodurre sia la componente spionistica della pellicola che la mera azione, mitra alla mano.

Gameplay interessante

E’ possibile poi appiattirsi contro i muri per evitare le pallottole nemiche, utilizzare vari tipi di arma e svolgere una serie di attività abbastanza atipiche per un titolo del genere e soprattutto per la sua epoca.

True Lies, in conclusione si rivela un gioco capace di sorprendere, forte anche di un comparto grafico di qualità, composto da sprite solidi e ben piazzati e da un design interessante che lascia trasparire tutte le sensazioni militareggianti e poliziesche dell’opera.

La caccia al terrorista diventa così un gioco da Super Nintendo, con un prodotto che affina il feeling del film giocando più su un gameplay interessante e realistico che su un’azione sfrenata e insensata come ci saremmo potuti aspettare.

Che dire, un titolo che merita sicuramente la nostra attenzione, un gioco davvero in grado di appassionare e sorprendere dopo tutti questi anni, ben nascosto e poco noto per la tendenza a snobbare a priori questo tipo di produzioni.