UFO: Enemy Unknown – MS Dos

  • PRESENTAZIONE
  • GRAFICA
  • SONORO
  • GIOCABILITA'
  • LONGEVITA'

I want to believe

Ufo: Enemy Unknown esce nel 1994 e diventa rapidamente uno dei migliori titoli dell’intera storia dei videogiochi. Quello che ci troviamo tra le mani è uno strategico/gestionale con carattere da vendere che ci vede alla guida niente di meno che della XCom, società con la missione di proteggere la terra da un’invasione aliena. Le sessioni di gioco prevedono profonde fasi gestionali con costruzione di basi, gestione fondi, sviluppo di armi e ricerca sui relitti alieni che troviamo durante la lunga guerra. Ci sono poi fasi di intercettazione: una volta abbattuto un UFO o nel caso siamo venuti a sapere di un atterraggio, ecco che arriva il momento di andare in battaglia; è a questo punto che il titolo si trasforma in uno strategico a turni con caratteristiche da rpg. Le battaglie tatticissime e brutali ci impegnano e ci coinvolgono profondamente, ogni passo deve essere misurato, se perdiamo un soldato, lo perdiamo per sempre.

Sono tra noi

UFO: enemy unnknown è un titolo senza tempo con una grafica ancora accattivante capace di coinvolgere nelle sue atmosfere cupe e violente. Il design dei personaggi è fresco e pieno di carisma, stessa cosa vale per le ambientazioni generali e per il sonoro che brillavano ai tempi e che si lasciano godere con piacere ancora oggi.

UFO è un titolo che coinvolge il giocatore in maniera totale portandolo all’interno di lunghissime sessioni dove ogni scelta è fondamentale.

Il brivido della battaglia

Il brivido che si prova quando andiamo a recuperare un mezzo alieno senza sapere cosa ci possa aspettare, la conquista, lenta e guadagnata col sangue, delle tecnologie aliene, il senso di sconfitta e di lotta da Davide contro Golia che si prova durante le ore passate all’interno di questo gioco lo rendono ancora oggi uno dei pezzi da 90 del’intera storia dell’intrattenimento videoludico.