Extase – Amiga

  • PRESENTAZIONE
  • GRAFICA
  • SONORO
  • GIOCABILITA'
  • LONGEVITA'

Extase – Amiga

Uscito nel 1991, Extase è un titolo davvero particolare.

Ci troviamo di fronte a un puzzle game dove l’utente dovrà risolvere dei particolari rompicapo per risvegliare una ragazza androide.

Il titolo è incredibilmente originale e unico nel suo genere.

Ci troviamo di fronte a un prodotto artistico e metafisico che si avvicina più all’arte multimediale che al videogioco più classico nonostante mantenga un gameplay solido e divertente.

A far da padrona  è la colonna sonora, un vero e proprio cult psichedelico in grado di creare atmosfere uniche e irripetibili nel mondo dei videogiochi.

Extase è un prodotto non adatto a tutti ma dall’indiscutibile fascino, fin dalle prime fasi gioco infatti, l’utente si trova spiazzato di fronte a una enorme faccia di androide che si muove a reagisce alle sue azioni.

Il nostro compito è infatti ripulire i circuiti dell’androide fino a riattivarlo e passare al livello successivo.

Extase è un gioco davvero incredibile, che si presta bene al retrogaming proprio per le sue particolarità e il suo stile visivo straordinario.

 

Extase – Amiga | Ma gli androidi sognano pecore elettriche?

I vari livelli di extase rappresentano le varie emozioni che l’android scopre o riattiva, fino al livello finale: l’estasi.

Di fronte a un titolo del genere non possiamo che ammirare la creatività e il coraggio degli sviluppatori dell’epoca, quando il videogioco non era ancora un concetto così assodato e l’esplorazione di nuove idee e nuovi gameplay spingeva i produttori a creare vere e proprie opere d’arte digitali.

Una perla Amiga che vi consigliamo di recuperare, naturalmente a tutti gli amanti del genere.

Extase, al di fuori dell’aspetto e dello stile, è un titolo rompicapo, con meccaniche innovative ma comunque ancorate al genere.

Estremamente rigiocabile e godibile anche al giorno d’oggi; diremmo soprattutto al giorno d’oggi, data la stranezza e la freschezza del gioco.