Superfrog – Amiga

  • PRESENTAZIONE
  • GRAFICA
  • SONORO
  • GIOCABILITA'
  • LONGEVITA'

La super rana principe di Team17

Super Frog esce nel 1993 come risposta del mitico Team 17 alla tendenza platform dettata da titoli come Sonic e Super Mario. L’ispirazione non è poca e, di fatto, ci ritroviamo a vivere un mix dei due giochi con una sprizzata di Team 17 e un design interessante, incapace di colpire come i due prodotti giapponesi ma comunque piacevole e perfettamente in linea con lo stile occidentale del videogioco dei tempi.

Nelle nostre partite a Superfrog ci ritroveremo a saltare in testa a nemici di vario tipo, saltare a destra e a manca in cerca di monetine e altri oggetti che ci daranno punteggi superiori. Il titolo è difficile quanto solidissimo e mai scorretto e, forse con un character design di maggiore spessore, sarebbe forse riuscito ad affermarsi tra i nomi sacri del genere.

 

L’era Amiga che volge al termine

Superfrog è un perfetto rappresentante di quei titoli Amiga dallo stile e dai colori particolari, giochi ben riconoscibili dove si sfiorava davvero il videogioco d’autore con prodotti come quelli Team 17 o BitBrothers che si notavano alla prima occhiata e che portavano con sé una intera concezione del mondo videoludico.

Superfrog risulta alla fine un gioco piacevole anche ai giorni nostri, una digressione sul genere platform appagante e divertente e consigliata a chiunque volesse distanziarsi dai soliti nomi.

Ovviamente ci sono anche delle limitazioni ma Superfrog rimane comunque un grandissimo titolo. Un gioco che mostra forse un’Amiga sul finire del suo ciclo vitale con le nuove consolle che iniziavano a prendere il sopravvento e a mostrarsi nel loro design e nella loro rapidità di esecuzione.

A noi di InsertCoin però, sentire ancora il suono dei caricamenti e vedere quello stile visivo così particolare non può fare altro che piacere, e far scendere pure una lacrima di nostalgia.