The Legend of Valkyrie – Arcade

  • PRESENTAZIONE
  • GRAFICA
  • SONORO
  • GIOCABILITA'
  • LONGEVITA'

La leggenda della valchiria

The Legend of Valkyrie è un interessante titolo arcade uscito sul mercato giapponese e arrivato dalle nostre parti grazie alla leggendaria collection Namco Museum.

Ci troviamo di fronte a un prodotto davvero interessante, un titolo che fa l’occhiolino a Zelda e propone un’esperienza action rpg in salsa arcade.

A sorprendere è la cura dell’estetica, una grafica accattivante forte di un character design ispirato e piacevole

The Legend of Valkirie è un arcade dimenticato che meriterebbe molta più attenzione di quella ricevuta, complice anche l’assenza di un lancio occidentale che ne ha gravato sulla memoria.

La formula action, unita a elementi gdr rende il gameplay divertente e appassionante, tanto da mettere in dubbio la natura arcade del gioco.

Il titolo sembra infatti studiato per lunghe sessioni e per un gameplay casalingo più che per un coin op.

 

Melodie eccellenti e originalità

Le furiose fasi di combattimento, così come l’esplorazione, sono accompagnate da una colonna sonora di qualità.

The Legend of Valkyrie sembra un gioco fuori dal suo tempo, un titolo che ci saremmo aspettati molto più avanti nella linea temporale dei videogiochi e un prodotto da riscoprire attraverso collection e retrogaming.

Nel lontano 1989, Namco riusciva a confezionare un titolo di ispirazione zeldiana, ma forte di una sua unicità e di uno stile di gioco moderno ancora oggi incredibilmente divertente.

Nota di merito va poi alla grafica, davvero bella da vedere in movimento.

Un prodotto che merita di sicuro il doppio tuffo retrò.

E’ infatti possibile giocarlo sulla collection Namco Museum reperibile per Sony Playstation.

Del gioco esiste anche una versione PC con alcune differenze rispetto al classico arcade.

Una piacevole scoperta che ci lascia a bocca aperta.

Il video di seguito mostra infatti tutta la qualità estetica e il gameplay rapido e divertente che il titolo può offrire, superando di gran lunga la media degli indie attuali.