I retrogames sono troppo difficili?

Difficoltà portami via

In questi giorni si parla molto del livello di difficoltà di Sekiro: Shadows Die Twice, titolo che non fa sconti e ci costringe ad imparare i pattern di ogni avversario prima di poterlo abbattere con sicurezza.

Ci ritroviamo così a ripensare alla difficoltà del passato, un’era dei videogiochi che non conosceva in molti casi i salvataggi e ci portava a completare un titolo solo attraverso una sessione perfetta.

I giochi retrò erano brevi, allungati però dalla necessità di “impararli” per poter arrivare a vedere il finale.

Un modo completamente differente di vivere il media che, in certi casi, può metterci in difficoltà soprattutto abituati agli agi della modernità.

Avete finito tutti i giochi del vostro passato? Io posso dirvi di no.

Nei gloriosi anni dei primi videogiochi mi è capitato molto spesso di bloccarmi e abbandonare per frustrazione numerosi titoli, un mea culpa che giustifico con l’assenza di salvataggi, vera e propria avanguardia della generazione più recente e forse grave mancanza del passato.

La difficoltà dei giochi della nostra infanzia è spesso davvero brutale.

E’ anche un po’ questo il bello del retrogaming ma basta pensare a un Ninja Gaiden così come a un Turrican per renderci conto di quanto il videogioco si sia ammorbidito con il passare del tempo.

Un gaming diverso

Certo, la difficoltà a tutti i costi non sempre premia, in particolar modo quando si vuole raccontare una storia.

La difficoltà mostruosa e la lotta furibonda per arrivare al fatidico finale non sempre sono le cose che cerchiamo in un videogioco.

Fatto sta che, chi vuole immergersi per la prima volta, o tornare ai titoli del nostro passato, deve accettare un compromesso di nervi non indifferente.

I retrogames sono difficili e non fanno sconti a nessuno.

Portarli a termine è una enorme soddisfazione ma anche una sfida che molti dei moderni giocatori non sono forse pronti ad accettare.

Voi cosa ne pensate? Preferireste rigiocarli con qualche tweak e salvataggi di stato? O siete dei puristi della difficoltà più brutale?

 

giochi diffic