Rastan – Arcade

  • Presentazione
  • Grafica
  • Sonoro
  • Giocabilità
  • Longevità

Rastan – Arcade | Fantasy da sala giochi

Uscito nel 1987, Rastan è uno dei titoli più importanti del genere fantasy (per quanto riguarda il mondo degli arcade).

Lontano dalle meraviglie sceniche di Golden Axe, Rastan è comunque capace di offrire combattimenti interessanti e scenari suggestivi, in grado di intrattenere ancora oggi.

Taito, ancora una volta, riuscì a porre le basi per la nascita di un vero e proprio sottogenere unendo gli elementi tradizionali degli action game a molte influenze dai giochi di ruolo.

rastan-arcade1Era il pieno degli anni ’80 e Dungeons ‘n Dragons rappresentava il non plus ultra dei GDR dell’epoca, mentre i videogame iniziavano a sostituire i classici passatempi del periodo. Mettiamoci anche il successo cinematografico della serie Conan con Arnold Schwarzenegger e vediamo che tutti gli elementi iniziano a prendere forma.

Con Rastan, possiamo dire che Taito sia riuscita a collegare queste molteplici ispirazioni realizzando un titolo molto impegnativo e non certo ricco di varietà, ma dal carattere estremamente personale.

Scopo di Rastan è raggiungere la fine del livello, eliminando tutti gli avversari che troviamo sul nostro cammino.

Al di là del protagonista e dei molti nemici, gli elementi chiave si nascondono nei moltissimi bonus e segreti disseminati lungo tutti i livelli.

Rastan offre quindi una serie elementi presi dai giochi di ruolo, tanto da poterlo considerare uno dei capostipite del genere hack and slash e una sorta di Diablo in 2d.

Rastan – Arcade | Possibilità e alternative

rastan-arcade2Dalle spade infuocate, passando per le immancabili pozioni, sono proprio gli oggetti a solleticare la fantasia del giocatore che si ritrova a cercare di scoprire gli effetti di ogni singolo potenziamento.

Il design dei livelli, inoltre, punta proprio su questo, con numerosi percorsi alternativi e passaggi segreti da scoprire solo rigiocando Rastan (e riempiendo il cabinato di monete).

Rastan è un titolo ambizioso e interessante, con un aspetto tecnico piuttosto debole, il gioco riesce comunque a convincere grazie al gameplay e alla grande quantità di contenuti.

Rastan vanta una colonna sonora epica e appassionante ancora oggi ricordata.

Il gioco inoltre, sopperisce alle carenze puramente tecniche con un a direzione artistica piuttosto ispirata.

Peccato per il riciclo di asset che si nota moltissimo soprattutto proseguendo per i livelli.

Quel che rimane di Rastan, in definitiva, è l’enorme eredità che ha lasciato per molti successi seguenti.

Praticamente tutti i picchiaduro fantasy arrivati dopo, a casa o in sala, devono qualcosa al titolo firmato Taito. Solo per questo merita una doverosa citazione, e tutto il rispetto che possiamo dargli.