Sensible Soccer – Amiga

  • Presentazione
  • Grafica
  • Sonoro
  • Giocabilità
  • Longevità

Sensible Soccer, il gioco di calcio cult per Amiga

Uscito nel 1992, Sensible Soccer è stato uno degli eventi più importanti della storia dei videogiochi di calcio retrò.

Se dobbiamo fare un paragone, possiamo chiamare in causa soltanto il primo FIFA o in tempi più recenti ai vari PES/Winning Eleven su PlayStation (uno).

Il titolo, ricordato da moltissimi amanti dei retrogames, ebbe un impatto clamoroso alla sua uscita, coinvolgendo un gran numero di giocatori, anche quelli meno interessati al mondo dei titoli sportivi.

A fare da padrone in Sensibile Soccer, uno dei giochi di calcio migliori per Amiga, è ancora oggi il gameplay, immediato e divertente come non mai.

Il titolo non puntava tutto sulla grafica, quanto sulle meccaniche di gioco, davvero incredibili e valide ancora oggi nel genere dei videogiochi di calcio del passato.

Gli autori, l’inconfondibile Sensible Software britannica, avevano ripreso gli elementi chiave del predecessore Microprose Soccer per Commodore 64, migliorandolo in tutti gli aspetti.

 

Tra i migliori videogiochi di calcio della storia!

Pur minuscoli, giocatori e pallone riuscivano a imbastire ragnatele di passaggi rapidissime e ipnotiche mentre il tanto amato “aftertouch” permetteva di dare effetti impossibili ma spettacolari al pallone. Il tutto funzionava perfettamente grazie alla visuale dall’alto, un classico per quei tempi e la soluzione ideale in un gioco 100% arcade. O almeno 90% vista la presenza di piccole influenze gestionali come il pre-partita con schemi e tattiche.

Sensible Soccer – AmigaLa parte tecnica era volutamente ridotta all’osso: omini microscopici e cubettosi si muovevano su un campo enorme con la rapidità di formiche impazzite. Il sonoro era costituito da una manciata di effetti, ma tutto questo passava in secondo piano quando si faceva pratica con i controlli e il sistema di gestione del tiro. Senza contare la presenza delle “star” nelle varie squadre, che avevano qualità superiori al resto del team.

L’enorme impatto avuto su computer aprì a Sensible Soccer la strada delle conversioni, facendolo arrivare su altri computer, console e addirittura portatili dell’epoca.

Il resto è prevedibile: ci furono continui aggiornamenti e seguiti ma, con poche eccezioni, la formula originale veniva semplicemente riciclata. Più tardi, il tentativo di passare alla grafica 3D fu un mezzo fallimento, come i remake arrivati dopo. Il suo momento d’oro probabilmente era finito, ma non il segno che è rimasto impresso sull’intero mondo dei videogame.

Se amate i retrogames e i giochi di calcio, allora Sensibile Soccer è uno di quei giochi che non possono mancare alla vostra collezione Amiga.