Star Wars: Bounty Hunter – Playstation 2

  • PRESENTAZIONE
  • GRAFICA
  • SONORO
  • GIOCABILITA'
  • LONGEVITA'

A caccia di taglie

Tra i tanti titoli dedicati all’universo espanso di Guerra Stellari, uno dei più interessanti è questo Star Wars: Bounty Hunter.

Nei panni di Jango Fett, ci troveremo a dare la caccia a un temibile culto che ha approfittato della crisi tra impero e ribelli per portare la sua filosofia maligna in giro per la galassia.

Bounty Huner è un gioco che regge benissimo il passare del tempo, oltre che uno dei rari episodi della saga videoludica di Star Wars, che ci vede attraversare città vive, e affrontare sequenze che potevamo soltanto sognare all’epoca della sua uscita.

L’avventura è narrata in modo eccellente, lineare nello svolgimento degli eventi ma davvero piacevole.

Il gameplay esplorativo e frenetico regala emozioni rare e ci fa sentire nel bel mezzo di una pellicola di Star Wars.

 

Uno spin off indimenticabile

Bounty Hunter è uno dei titolipiù riusciti della serie di Star Wars.

Un gioco divertente e appagante che ci permette di vivere i bassifondi del cosmo e di falcidiare ondate di nemici e splendidi boss nel corso di sequenze mai banali.

Un titolo cje consigliamo ancora oggi, e che premiamo per la sensazione di vivere all’interno dell’universo di Guerre Stellari, per la cura delle città, oltre che di una serie di dettagli che vi lasceranno ancora oggi a bocca aperta.

Ma prima di Bounty Hunter un titolo Star Wars era entrato così nel dettaglio e aveva trovato il coraggio di raccontare una vicenda puramente parallela che non perde però l’epicità della saga e le sue caratteristiche principali.

Un gioco da riscoprire che non vi deluderà, oltre che una pietra miliare dell’universo action 3d.

Il gioco regge davvero bene il passare del tempo e risulta ancora oggi un’esperienza piacevole e accattivante.

Da anni ne sogniamo un reboot open world.

Per il momento consoliamoci con l’originale che si lascia ancora giocare benissimo.